Murdah SRVC è un progetto artistico a 360°: iLiveMusic lo ha incontrato.

main

Fortemente influenzato dalla cultura pop Giapponese, la sua musica non è semplice, è più che altro un viaggio…in estremo Oriente.

Intervista

Murdah  SRVC come e quando è nata la tua passione per la musica?

Sin da bambino mi è sempre piaciuto cantare, poi durante l’adolescenza ho iniziato a scrivere le prime canzoni. Mi sono appassionato soprattutto al Soul ed al Rhythm & Blues. La passione per l’elettronica è arrivata più avanti ed ho fuso le due cose.

Impossibile non notare l’influenza che il mondo Giapponese ha sulla tua arte, come ti sei avvicinato alla cultura nipponica?

Sono cresciuto negli anni 80 con tutti i cartoni animati giapponesi disponibili sulle reti locali e non. Da lì poi la passione per la storia e la cultura che mi ha portato poi a studiare la lingua, la letteratura, l’arte ed a vivere in Giappone per un po’.

Saranno tutti curiosi, cosa si cela dietro alla sigla SRVC?

MURDAH viene dallo slang giamaicano, per dire una cosa che spacca. Una canzone può essere MURDAH, una bella donna può essere MURDAH.

SRVC invece si legge Service e viene dal giapponese サービス (sabisu) che indica una propensione nell’offrire sempre una chicca allo spettatore. Ho unito i due mondi che più mi hanno influenzato ed ecco il risultato!

La componente video è essenziale nella tua arte: secondo te, in generale, una è imprescindibile dall’altra?

Nel mio caso MURDAH SRVC è un progetto audio/visual dal quale sto sviluppando anche un fumetto in stile manga. Le canzoni sono scritte prendendo ispirazione dalla storia del fumetto e viceversa. Ho creato un vero e proprio mondo nel quale ci si può immergere completamente.

Tra la base ed il testo dei tuoi singoli c’è una sorta di discrasia: la tua voce è ipnotica, melodica, ma canta di amori difficili e di non riuscire a trovare il proprio posto nel mondo. Da dove prendi ispirazione per la stesura dei tuoi brani?

Grazie per avere notato il contrasto che ho voluto creare. A volte per dire le cose più terribili e sofferte bisogna farlo in maniera totalmente opposta, con dolcezza. MURDAH SRVC è anche un fumetto, come dicevo sopra, quindi l’idea dei brani parte da quello, ma anche esattamente il contrario. Ho scritto alcune parti della storia partendo dallo spunto di una canzone. Ovviamente, dietro i personaggi del fumetto si celano parti di me.

Perché hai scelto la lingua inglese per trasmettere la tua musica?

L’inglese mi ha permesso di portare MURDAH SRVC live a Berlino, a Londra e spero mi porterà ancora in giro per l’Europa e perchè no, anche in Giappone.

Riusciresti a descrivere Murdha SRVC con tre aggettivi?

Visivo, futuristico, minimale.

Ripensando alle tue passate esibizioni, c’è un aneddoto divertente che ti è accaduto che vuoi condividere con noi?

La prima volta che mi sono esibito a Londra, non essendo madrelingua, temevo che la reazione del pubblico sarebbe stata fredda, disinteressata. Quando tutto il locale ha iniziato a fare video e a postarli sui social allora lì mi sono rilassato! E’ stato un bel banco di prova!

Pensi che  iLiveMusic possa essere utile nel mercato musicale italiano?

Assolutamente si, la trovo una bella opportunità per i musicisti emergenti.

Progetti – date – prossimi concerti/eventi?

Il 31 Maggio MURDAH SRVC sarà all’Etna Comics a Catania, Festival del fumetto e della cultura pop.

Subito dopo uscirà il nuovo singolo, “My Only” che segue i primi tre già disponibili su Youtube e tutti i digital stores.

Video

Link Social

Facebook
Youtube
Sito Web

Date concerti

31 Maggio MURDAH SRVC sarà all’Etna Comics a Catania.

 

Anche tu vuoi entrare nella community di iLiveMusic e suonare Live? Scarica GRATIS l’App QUI e crea il tuo profilo da artista.