Bio

I The Storytellers sono una band di amici e musicisti che ricreano e reinterpretano i brani classici della storia del rock, prediligendo il groove e il calore esecutivo. In un connubio di “folk ‘n’ roll“.

Sono tre musicisti: Andrea Spada alla voce, chitarra acustica e armonica, Lino Renzetti al piano e tastiera e Gigi Appoloni alla batteria e percussioni.

I The Storytellers suonano brani da Dylan a Springsteen, dai Creedence agli America, fino al folk soul di Bill Withers.
Nel loro repertorio non mancano poi brani storici e classici del rock ‘n’ roll da Elvis Presley a Little Richard.

Intervista

Raccontateci come è nato il progetto “The Storytellers ”?

Il nostro progetto parte come una jam session tra amici che dopo alcuni progetti separati si ritrovano insieme in sala prove …. da qui nasce la magia. Inizialmente pensavamo di tributare un solo artista partendo sempre dal genere folk rock ma poi ci rendemmo conto che differenziare la proposta (fare più artisti) sarebbe stato più interessante musicalmente…

Come descrivereste la vostra proposta musicale? La selezione di artisti scelti è la voce di un’America che sussurrava all’orecchio parlando alle grandi collettività, i brani proposti con quale criteri vengono scelti?

Pensiamo sia interessante proporre un genere come il cantautorato folk d’oltreoceano ma suonando i singoli brani con un unico stile personale tentando di rendere le canzoni il più personali possibili senza stravolgerle troppo….i brani vengono scelti poi in base al nostro gusto da una parte e dall’altro tentando di fondere le melodie più celebri e ammiccante per il pubblico ….le nostre sessione cercano molto il contatto con un pubblico che si lascia andare e che conosce bene il genere… Certo nonostante sia forte l’impatto socio politico degli autori proposti noi non ne facciamo un ariete da scagliare contro chi la pensa diverso …cioè per noi la prima cosa è il ritmo il groove e la spensieratezza di molti brani evergreen.

Raccontateci la vostra prima esperienza “live”. Sensazioni, Ricordi. Avere riti e abitudini pre concerto?

Come The Storytellers la nostra prima data fu davvero una scommessa eravamo circondati da un clima surreale durante una festa di paese … tutto era pronto ma come cominciammo a suonare un brano di harry nillson ,il celebre everybody ‘s talkin ‘, tutti ci fissarono senza emettere un sibilo…poi suonammo Use me bi Bill Withers e la gente ci appaudì e inizio a scaldarsi e fare a il tifo …noi avevamo tutti e tre chiuso gli occhi e suonavamo ascoltando il rumore del pubblico e dei nostri strumenti …fu suggestivo. 

Cosa pensate del mercato della musica dal vivo in Italia e in particolare nella vostra terra? e della nostra iniziativa iLiveMusic?

Pensiamo che suonare in italia sia ancora ancorato al concetto di mercificazione della musica … sia che si tratti di una band che fa cover , sia che faccia inediti…. bisognerebbe espandere il concetto di rendere più popolare anche le cose che hanno meno consensi …. se si fa questo si abitua il pubblico a una maggiore varietà musicale senza sforzi …e questo in particolare in Abruzzo dove suonano sempre e cmq i soliti noti ….

Cosa farete nei prossimi mesi? Nuove date, nuovi pezzi, collaborazioni etc etc?

Prossimamente lavoreremo a degli inediti ma in italiano sarà una bella scommessa …

Video

 

Link Social

Youtube

Concerti

I The Storytellers si esibiranno live @ Oscar Wilde Irish Pub, venerdì 22 dicembre 2017. Il trio ha trovato il palco grazie all’app di iLiveMusic.