Live – Concerto Franco Battiato & Filarmonica Toscanini @ Centrale del Tennis, Roma, 14 Luglio 2015

Per la serie foto inutili che si scattano ai Live – Concerto con gli smartphone numero 15 potete non crederci ma lui è Franco Battiato. Ho sempre avuto grande rispetto e ammirazione per la Sua produzione artistica ma paradossalmente non mi ci sono mai immerso precisamente per questo motivo (che poi è lo stesso motivo per cui non ancora leggo “Guerra e Pace” di Tolstoj e non andrei mai in India senza averla studiata prima). Fortunatamente mi hanno fatto trasgredire a questo schema mentale e ho goduto, seppur in maniera analitica, di un Live – Concerto di 130 minuti foriero di osservazioni, spunti di riflessione e piacere musicale. La presenza surreale di Travaglio in cuccurucucù è stato l’unico disturbo.

La Filarmonica Arturo Toscanini composta da 30 archi ha saputo fondersi col pop accademico suonando arrangiamenti misurati, briosi ed eleganti, lontani sia dall’effetto barocco sanremese, sia dall’effetto circense del Pavarotti & Friends. Per essere brillanti o si trattano argomenti “alti” in modo “basso”, o al contrario, si restituiscono argomenti “bassi” in modo “alto”. Con Franco Battiato, il pop considerato il mondo delle canzonette, viene raccontato con una grammatica e una poetica “alta” soddisfacendo la mia regola aurea della brillantezza.

Vogliate scusarmi, il pistolotto alla Beppe Severgnini e qualche artificio retorico di troppo ma questo Live – Concerto ha aperto una crepa di tenerezza nelle mie certezze granitiche soprattutto perché ho continuato a non immergermi totalmente nel mare magnum filosofico e musicale del “Maestro” Franco Battiato.

Artista

Franco Battiato

Location

Il Centrale Live al Foro Italico

Data Concerto

14 Luglio 2014

Generi

  • Pop
  • Songwriting
  • Sperimentale

Il Brano Più Conosciuto

 

Album In Studio

  • 1972 – Fetus
  • 1972 – Pollution
  • 1973 – Sulle corde di Aries
  • 1974 – Clic
  • 1975 – M.elle le “Gladiator”
  • 1977 – Battiato
  • 1978 – Juke Box
  • 1978 – L’Egitto prima delle sabbie
  • 1979 – L’era del cinghiale bianco
  • 1980 – Patriots
  • 1981 – La voce del padrone
  • 1982 – L’arca di Noè
  • 1983 – Orizzonti perduti
  • 1985 – Mondi lontanissimi
  • 1988 – Fisiognomica
  • 1991 – Come un cammello in una grondaia
  • 1993 – Caffè de la Paix
  • 1995 – L’ombrello e la macchina da cucire
  • 1996 – L’imboscata
  • 1998 – Gommalacca
  • 1999 – Fleurs (cover + inediti)
  • 2001 – Ferro battuto
  • 2002 – Fleurs 3 (cover + inediti)
  • 2004 – Dieci stratagemmi
  • 2007 – Il vuoto
  • 2008 – Fleurs 2
  • 2009 – Inneres Auge – Il tutto è più della somma delle sue parti
  • 2012 – Apriti sesamo
  • 2014 – Joe Patti’s experimental group